24.2.16

In memoria del duca delle prugne








In memoria del duca delle prugne
– mostra personale a Polignano a Mare –
3 giugno/ 8 giugno 1995


Ebbene signore e signori cari, mi presento. Il mio nome è Pierpaolo il mio cognome Limongelli. Sono nato il 13 dicembre 1959 in quel di Bari, ho cominciato le mie esternazioni durante il liceo classico. Preparavo piccoli collages e scrivevo piccoli racconti. Poi ho scritto piccole poesie e nel frattempo ho ascoltato e assorbito tanta ma tanta ma tanta musica. Il mondo magico dei suoni mi ha fatto conoscere tante persone diverse, come sono diversi i suoni. Tra tutti questi suoni alcuni mi hanno guidato più di altri, regalandomi emozioni bellissime, rivelandomi la possibilità di poter esprimere ciò che dentro preme con ironia e leggerezza, con acutezza ed essenzialità. I suoni, e non solo quelli, di cui sto parlando sono quelli di Francis Vincent Zappa. Questo ineffabile genio del XX secolo, infatti, iniziando le sue scorribande nel 1965 con provocazioni musicali e poetiche ha finito la sua intensa vita componendo musica classica contemporanea, percorrendo praticamente tutte le vie musicali possibili, sempre estraneo a qualsiasi omologazione. Giocando seriamente con i suoni ha denunciato le nefandezze dell'america way of life, ma anche le facili vie di fuga di quel mondo dei figli dei fiori che aveva il suo centro magico a San Francisco. In una delle sue dichiarazioni “ Mi piace l'idea di una musica in cui sia possibile battere il piede a tempo e ascoltare contemporaneamente cose che si muovono in irritante contrasto con il ritmo di base.” mi ritrovo pienamente.
Il mio avvicinarmi alla realizzazione di lavori di immagine è stato graduale. Come primo materiale mi ha catturato la carta in diretto collegamento con quei piccoli collages che decoravano agende mie e di miei altri amici. L'acquerello e la sua evanescenza mi hanno introdotto nel magico mondo del colore e delle sue infinite sfumature. Con Dario Sanna, un altro vero fan di Frank Zappa, ho fondato in un torrido agosto del 1984 un movimento culturale a 360 grad e lo abbiamo chiamato “Sghinismo nel mondo”. Il suo logo contiene alcuni aspetti fondamentali del nostro pensare l'arte. Il punto ed una saetta morbida con puntale rappresentano infatti il modo e lo scopo della nostra espressione. L'arte fatta con il cuore che trasmetta calore e comunicazione, che connetta i linguaggi degli individui ha sempre un punto di arrivo da cui ripartire con velocità vitale; in un mondo che ha dimenticato il cuore in un cassetto, la mia espressione cerca di rimandare emozioni e sensazioni. L'altro canale di comunicazione a cui dedico molta energia è la Mail Art ( arte postale). In un circuito internazionale enorme ma sotterraneo il free media è la norma fondamentale.
Ho partecipato ad innumerevoli progetti in tutto il mondo e ne ho proposti due in collaborazione con altri amici qui in Puglia.
Anche in questo caso ironia e divertimento sono aspetti cardine di un messaggio comunicativo fantastico e mirabolante. Attualmente lavoro su vari materiali con varie tecniche. Tela, cartone, carta di riso cinese, colori ad olio ed acrilici, acquerelli ed inchiostri ad acqua.
Inoltre continuo a produrre piccoli collages e nel frattempo faccio anche il bancario.
Ecco è tutto. GOODBYE FRANK, LOVE ALWAYS.


Pierpaolo Limongelli

Nessun commento: